Fact Checking History

Fact Checking History: La falsa scoperta del tunnel che collegherebbe Calabria con Sicilia

Sul web circolano spesso notizie sensazionalistiche riguardanti soprattutto nuove ed esaltanti scoperte archeologiche. Complice anche la diffusa disinformazione nei confronti del mondo dell'archeologia e della storia, la maggior parte di esse vengono prese sul serio anche da autorevoli testate e quindi così facendo dai lettori stessi.


Non mancano infatti all'elenco nuove scoperte sensazionali sulle piramidi d'Egitto, su Stonehenge, sui nuovi ritrovamenti di continenti sotterranei e piramidi interrate in misteriosi luoghi del mondo. La notizia di cui vorremmo parlarvi oggi, trapelata peraltro da una fonte tutt'altro che complottista, guarda la scoperta di un enorme tunnel sotterraneo che collegherebbe Calabria a Sicilia e che farebbe parte di un ampio sistema di cunicoli e tunnel atti a fungere da via di collegamento primario per tutto il continente europeo.

Come riportato da diversi giornali locali, ormai circa un anno fa, il tunnel (tra l'altro appartenente alle guerre puniche) sarebbe stato ritrovato dagli operai durante alcuni lavori autostradali:

"Una scoperta fatta per caso, ma che rimarrà nella storia. Gli archeologi sono immediatamente intervenuti, stabilendo che il tunnel sia stato costruito ad una profondità di che si aggira tra i 100 e i 200 metri. La cavità non è molto grande, misura solamente 175cm, si può entrare una persona alla volta. Lungo tre chilometri collega le due sponde dello stretto Torre Cavallo (Calabria) ed il Pilone (Sicilia). Il lungo tunnel è intervallato da piccole camere di stoccaggio e posti a sedere, probabilmente sarà servito alle truppe romane per arrivare in Sicilia. Tra il 264 e il 241 a.C si combatté la guerra romano-punica, nella quale le due super potenze si scontrarono per acquisire la supremazia del Mar Mediterraneo. All’inizio del conflitto Cartagine, situata nell’odierna Tunisia, era la potenza dominante del Mediterraneo occidentale. Ma la Repubblica romana ne uscì vincitrice, imponendo a Cartagine grandi sanzioni economiche. Il periodo a cui risale questo tunnel è stato scoperto grazie a dei rilevamenti al carbonio. Si pensa che in tutta la Sicilia ci siano tunnel simili. “Solamente a Villa San Giovanni abbiamo trovato una rete di tunnel sotterranei lunga 700 metri, stesso dicasi in Sicilia a Condrò ne abbiamo trovati 350”, ha dichiarato Marco Manti, un famoso archeologo."


L'origine della fake news ha infatti un fondamento di verità: essa è stata originariamente copiata da una vera notizia appartenente al Daily Mail, il quale rendeva nota la scoperta di un tunnel sotterraneo in Scozia, lungo diversi chilometri.

Cosi facendo, Dangerous news, noto portale di informazione satirica ai limiti della realtà, ha sfruttato e modificato questa notizia ad hoc. L'utilizzo di un testo altamente credibile, di immagini particolari e l'invenzione di nomi e riferimenti all'antica Roma ci insegna che al giorno d'oggi manipolare l'informazione quotidiana risulta essere un gioco da ragazzi. Ed ecco svelato il motivo per cui anche siti web considerati affidabili sono caduti nella trappola, davvero ben escogitata, di questo portale.

Ciò che vi raccomandiamo dunque, è stare molto attenti a questo tipo di notizie sensazionalistiche al giorno d'oggi, anche se provenienti da fonti potenzialmente attendibili, perché la possibilità di verificare le fonti spesso non viene fornita ai giornalisti in continua competizione in giro per il web. E, proprio a causa di questa continua competizione che aumenta ogni giorno di più, la quantità prende il posto alla qualità. Il risultato di questa sostituzione in ambito giornalistico, dunque, potrebbe causare parecchi problemi alla veridicità delle notizie che quotidianamente leggiamo. Occhi aperti dunque, ricordandoci di consultare sempre almeno 2-3 testate giornalistiche per ogni notizia che leggiamo.

Di: Claudio Pira