Ultimi Post

giovedì 12 luglio 2018

L'incidente di Vermicino e la diretta social: storia di un fenomeno

Siamo di fronte a una svolta. Ci troviamo davanti a uno di quegli eventi su cui, tra qualche anno, si rifletterà e si scriverà in termini storiografici: il mondo ha assistito in diretta a una delle operazioni di salvataggio più complesse del XXI secolo.


Stiamo parlando del gruppo di tredici compagni di squadra, tra cui anche l’allenatore, i quali – a causa delle piogge monsoniche e della crescita improvvisa del livello dell’acqua – sono rimasti bloccati nelle grotte di Thuam Long, nella provincia thailandese di Chiang Rai. Il mondo ha assistito con il fiato sospeso alle operazioni di salvataggio dei ragazzi, che alla fine si sono concluse positivamente: i principali siti di informazione hanno costantemente tenuto monitorata la situazione (dalla BBC al Corriere della Sera) e si è potuto seguire su tutti i social network ogni istante di quella che è stata definita “l’operazione che il mondo non dimenticherà mai”.


Tuttavia, negli occhi degli italiani torna alla mente un ricordo, risalente a 37 anni fa quando, nel piccolo paesino laziale di Vermicino, si consumò una tragedia che avrebbe fatto storia. Stiamo parlando dell’incidente che coinvolse il giovanissimo Alfredo Rampi, 6 anni, il quale cadde incidentalmente in un pozzo di recente costruzione e coperto da una lamiera.

Come per la Thailandia, le operazioni di salvataggio ebbero inizio immediatamente. Tra il 10 giugno e il 13 giugno 1981, un ampio numero di speleologi, vigili del fuoco, geologi e semplici soccorritori cercarono di dare il loro contributo per salvare la vita del piccolo Alfredo. Si trattò di un’operazione decisamente complessa: con un’imboccatura di poco meno di 30 centimetri e una profondità che oscillava tra i 60 e gli 80 metri, il pozzo si rivelò impraticabile a qualsiasi operazione di salvataggio, portando Alfredino alla tragica morte.

Ciò che però contraddistinse questo episodio fu la grande copertura mediatica, fornita dalla Rai, guidata in quel momento dal giornalista Villy de Luca. Si trattò in definitiva del primo grande evento di cronaca che gli italiani poterono seguire attraverso una diretta a reti unificate della durata complessiva di 18 ore.



Con una trama molto simile al film del 1951 diretto da Billy Wilder, “L’asso nella manica”, la vicenda di Vermicino rappresentò una svolta nella storia della televisione in Italia. È quindi possibile individuare un collegamento tra ciò che sta avvenendo in queste ore in Thailandia e ciò che accadde nell’estate di 37 anni fa nel Lazio.

Siamo di fronte, in entrambi i casi, a un cambiamento del paradigma dell’informazione in senso globale: un costante aggiornamento social e informativo, oggi, e una diretta televisiva massacrante alla ricerca del minimo dettaglio, nel 1981. Tutto questo per rispondere a una delle esigenze principali della società moderna in cui viviamo: la sete di informazione.


Di: Guglielmo Motta

Fonti:
Web
______________________________________________

Condividi questo articolo:

Posta un commento

 
Back To Top
Copyright © 2014-2018 Riscrivere la Storia. Designed by OddThemes | Distributed By Gooyaabi Templates