Ultimi Post

sabato 23 giugno 2018

America Latina: Le ragioni storiche del sottosviluppo

L’America Latina come realtà sociale politica ed economica è assai complessa e caratterizzata da molteplici sfaccettature. Da un punto di vista di storia globale, tutto il processo di colonizzazione di quest’area del mondo e la sua successiva evoluzione nei secoli rappresenta un caso alquanto particolare verificatosi solo in poche altre zone del globo. Per quanto possa essere relativo come termine, l’America Latina viene considerata parte del mondo occidentale tanto che un noto studioso di storia dell’America Latina, Carmagnani, intitola una sua opera proprio “L’altro Occidente” riferendosi a quest’area del pianeta. Senza entrare nella diatriba terminologica sul significato di termini come occidentale o orientale e a quel che si riferiscono ampiamente discusso dal filone critico iniziato da Said nel suo “Orientalismo”, si vuole qui porre un altro tipo di interrogativo.


Se quindi si accetta una comune appartenenza culturale tra l’America Latina e il resto del mondo occidentale, viene spontaneo chiedersi come nella storia possano essersi sviluppate delle così abissali differenze tra questi due mondi oltre che sul piano inevitabilmente sociopolitico ma anche e soprattutto su quello economico. L’America Latina ad oggi risulterebbe –compiendo un’ampia generalizzazione che si provvederà più avanti a sfatare – uno delle zone del mondo occidentale ancora in via di sviluppo e non pienamente industrializzata. Chiedersi quali siano i motivi di questa differenza empirica tra America Latina e resto dell’occidente, può diventare compito dello storico se quest’ultimo si pone nella prospettiva di ricercare le origini del suddetto fenomeno. Una ricerca del genere –che approfondisce le motivazioni di un ritardo economico nel passato di un gruppo di nazioni – non ha l’intenzione o l’ambizione di univocità e completezza, bensì intende aprire una finestra e offrire una prospettiva diversa al pubblico nell’ottica di informare riguardo una tematica spesso poco presa in considerazione, dando troppo frequentemente per assodato l’arretratezza economico di un settore del mondo decontestualizzandolo dalla sua storia. L’America Latina non è sempre stata come appare oggi semplicemente guardando una cartina geografica. Successivamente alla scoperta del continente americano, gli spagnoli colonizzarono l’attuale area caraibica, del Messico e del Perù espandendosi in tutto il continente e lasciando il Brasile ai rivali portoghesi grazie all'intermediazione delle bolle papali.


La colonizzazione consistette quindi nella creazione di un vero e proprio sistema sociale ed economico da applicare in un nuovo territorio. Ovviamente questo tipo di sistema non poteva che ispirarsi a ciò che i colonizzatori già praticavano in patria in quell’epoca. L’effetto fu quindi una specie di esportazione del sistema sociale spagnolo in America con tutte le ovvie particolarità che vennero combinandosi. Occorre soffermare l’attenzione proprio sulla società coloniale per ricercare le prime tracce di quello che fu un difficoltoso processo di modernizzazione che avvenne più tardi. Il crearsi di una élite economica paragonabile all’aristocrazia europea fu proprio un elemento di disturbo di quel processo.

VUOI LEGGERE L'ARTICOLO COMPLETO? SUPPORTACI ACQUISTANDO LA NOSTRA PUBBLICAZIONE "RISCRIVERE LA STORIA - N°3" SU AMAZON IN FORMATO EBOOK O CARTACEO: QUI
______________________________________________

Condividi questo articolo:

Posta un commento

 
Back To Top
Copyright © 2014-2018 Riscrivere la Storia. Designed by OddThemes | Distributed By Gooyaabi Templates