Ultimi Post

sabato 14 aprile 2018

Memorie di Adriano, uno sguardo attraverso l'anima dell'Imperatore

Il romanzo è concepito come fosse una lettera scritta dall'anziano imperatore al giovane nipote adottivo e prossimo imperatore (dopo Antonino Pio) Marco Aurelio. L'opera è definibile come un misto tra un diario memoriale delle esperienze di vita dell'imperatore ed un trattato che dispensa consigli sul modo di affrontare le sfide che la vita ci pone davanti.


Il libro, come ben spiegato dall'autrice da una ricchissima e ottimamente curata appendice di fondo, nasce in modo lunghissimo e travagliato, una genesi che vede passare decine di anni da quando la Yourcenar scrive le prime righe a quando viene stampato il manoscritto definitivo. L'opera della sua vita, viene continuamente cambiata, stracciata e riscritta per poter meglio esprimere quello che provava Adriano, vi è uno studio quasi ossessivo e psicologico dell'individuo, sia come uomo che come imperatore. Sì, al suo interno troviamo anche parti romanzate, ma sono poco importanti, imprecisioni storiche utilizzate per snellire la narrazione o per non mettere eccessivamente in difficoltà un lettore non troppo preparato sull'argomento. Lo studio delle fonti è frutto di un lavoro eccezionale, nell'appendice questo è ripercorso con grande destrezza e passione. Proprio questa è l'elemento che traspare di più, un amore profondo per il personaggio di cui ha scelto di parlare e per l'età aurea che lui stesso incarna.


Gli stessi temi analizzati sono da sempre i temi che affascinano e struggono l'animo umano: l'amore, la perdita delle persone amate, la filosofia e il più importante: il senso della vita.
Il lettore non può che perdersi e riconoscersi all'interno delle pagine, sciogliendosi quasi nel personaggio di Adriano nel quale ci si può riconoscere umanamente per i dubbi che lo sconvolgono. Ne esce il profilo di un imperatore umano, non lontano dal mondo, che anzi seppur riparato nella sua casa di Tivoli è un grande viaggiatore, un uomo che ha la "malattia" del viaggio perché conscio che sia il modo migliore per ottenere la conoscenza. È consapevole di quanto sia importante che il governante sia vicino alla gente: viaggiando conosce i provinciali, che vedono in lui quasi una personificazione della divinità ed il suo passaggio diventa un evento da raccontarsi per generazioni. Capisce così le necessita dei provinciali, cittadini romani spesso non troppo ascoltati dal potere centrale.

È ben analizzato anche il rapporto con la guerra: Adriano è un soldato, cresciuto tra i campi di battaglia, ma non per questo non conosce il valore della pace e tutto il suo impero sarà permeato da questa volontà di pace e armonia, di non andare oltre quello che si può mantenere. Infatti ereditato da Traiano un impero in guerra con i Parti, l'imperatore si affretta a concludere il conflitto restituendo al nemico i territori sottratti e inaugurando una pace che durerà a lungo. Si concentra quindi nella fortificazione dei confini, dalla celebre costruzione del vallo di Adriano nell'odierna Scozia alle fortificazioni in Dacia e lungo il confine germanico.
Consiglio la lettura dell'edizione Einaudi perché superiore nella traduzione dal francese rispetto alla prima edizione della Richter. Questa ottima traduzione è figlia di un lungo carteggio tra l'autrice e Lidia Storoni Mazzolanila, la traduttrice scelta dalla stessa Yourcenar.


Di: Ludovico Scaglione
Fonti:
Marguerite Yourcenar, Memorie di Adriano seguite dai taccuini di appunti, Torino, Einaudi, 1981.
______________________________________________

Condividi questo articolo:

Posta un commento

 
Back To Top
Copyright © 2014-2018 Riscrivere la Storia. Designed by OddThemes | Distributed By Gooyaabi Templates