Ultimi Post

domenica 13 agosto 2017

Civiltà romana: veramente lontana dalla rivoluzione industriale?

Quando si parla di Rivoluzione Industriale è naturale collocarla in un contesto ottocentesco dove una borghesia intraprendente si mobilita per accumulare capitale da investire in attività economiche che a loro volta possano fornire ulteriore denaro ai magnati coinvolti.

Ma cosa accadrebbe se si provasse ad immaginare l’antica Roma coinvolta in un processo di industrializzazione? Sarebbe veramente possibile vedere una famiglia di patrizi romani gestire un’industria di cotone? E una legione romana che si dirige verso una remota regione dell’impero a bordo di un treno a vapore per sedare una rivolta? Semplice anacronismo o qualcosa di più?


L’impero romano possedeva molte, ma non tutte, le condizioni utili ad innescare il processo industriale.  Una di queste è senza dubbio l’elevato controllo del territorio da parte dei romani  non tanto diverso da quello di una qualsiasi nazione Europea dell’ottocento.

Una caratteristica indispensabile della rivoluzione industriale fu quella della stabilità delle vie di comunicazione. In particolare, strade e vie fluviali erano i collegamenti più utilizzati fino all’invenzione della ferrovia che rivoluzionò completamente la modalità dei trasporti. Prima dell’avvento del treno a vapore, il miglior metodo per trasportare qualsiasi tipo di merce era quello di impacchettarla e spedirla via mare, tant'è vero che, non a caso, l’Inghilterra dell’ottocento fu la prima nazione ad industrializzarsi anche grazie alla forza della propria flotta e del commercio via mare e via fiume.

In maniera non del tutto dissimile, anche Roma al massimo dello splendore, possedeva una delle flotte più forti del mondo e le vie di comunicazioni principali erano quelle che collegavano i vari porti dell’impero. In quanto a capacità di approvvigionamento, Roma era in grado di rifornire la capitale del proprio impero di tutto il pane necessario al mantenimento di circa un milione di abitanti. Con un’organizzazione come quella di Roma, fu allestita una flotta in grado di trasportare il grano dai porti dell’Egitto, dell’Africa e dalla Sicilia fino alla capitale. In più questo grano veniva distribuito gratuitamente a più di duecento mila famiglie proletarie. 

Un’altra caratteristica indispensabile all’industrializzazione delle nazioni europee di inizio ottocento fu quella di avere un sistema giuridico che tutelasse la proprietà privata e la libera impresa. Il sistema giuridico romano, pur essendo molto diverso da quello di un paese come l’Inghilterra del XIX secolo, aveva comunque forti riguardi nei confronti della proprietà privata e la libera impresa. Eppure i romani consideravano poco nobile per lo spirito, dedicarsi alle attività commerciali, essendo una società radicalmente diversa da quella odierna che si fonda su ben altri principi.

In quanto a capacità tecniche e inventive, inoltre, i romani furono uno dei popoli più ingegnosi della storia. Sono ben note le utili strade, le stupefacenti strutture a cupola e le opere architettoniche di straordinaria bellezza, i loro acquedotti che con straordinaria efficienza da più di duemila anni si erigono in varie parti d’Europa e la cui tecnica non fu superata se non in tempi moderni. Inoltre è stato attestato come i romani sfruttassero già la forza idraulica per far funzionare vari tipi di mulini e di pompe da utilizzare nella produzione agricola. Da recenti studi inoltre, si è scoperto come ai romani fosse nota anche l’invenzione di una certa macchina a vapore rudimentale, nota come eolipila, messa a punto da Erone, uno scienziato di Alessandria D’Egitto vissuto intorno al  I secolo d.C.

riproduzione di un'eolipila 
Sarebbe quindi stato possibile per i romani accedere al processo di industrializzazione? Non proprio. Sussistevano delle problematiche strutturali all’interno della loro società che non glielo avrebbero permesso nemmeno se l’impero fosse durato di più nel caso in cui l’economia avesse retto una burocrazia ed un esercito sempre più parassitario e se quest’ultimi avessero respinto le minacce provenienti dall’esterno del limes.

La società romana, come tutte le società del mondo antico, basavano il proprio sistema produttivo in larga misura sulla schiavitù. Tale offerta di manodopera a basso costo, impediva che negli imprenditori si innescasse quel processo di massimizzazione dei profitti attraverso la minimizzazione delle spese, quindi non era necessario investire sull’utilizzo di nuove e più efficienti tecnologie che sostituissero la manodopera dell’uomo con delle macchine.

I membri della classe privilegiata si dedicavano alle attività di governo, alle guerre e alle belle arti e mancavano quindi di quella spinta imprenditoriale e intraprendente della borghesia dell’ottocento.  In più, non è da sottovalutare che nonostante le civiltà antiche avessero raggiunto un altissimo livello di conoscenze scientifiche, esse non erano ancora paragonabili a quelle accumulate fino al XIX secolo.

Inoltre, a differenza dell’epoca contemporanea, il mercato dei produttori dell’antichità era ristretto al solo bacino mediterraneo mentre il potenziale mercato di un produttore di cotone del Lancashire nell’Inghilterra dell’ottocento era su scala mondiale. La domanda di beni, in altre parole, nel mondo antico era infinitamente minore a quello dell’ottocento. Infine il potere d’acquisto delle classi più povere era notevolmente ridotto a causa degli alti costi del grano e dalle tasse che servivano a mantenere attiva la macchina burocratica e militare di Roma, una delle più efficienti mai esistite.

Immaginare le altre ipotetiche vie che la storia avrebbe potuto prendere ma che non ha seguito è utile per lo storico affinché possa vedere gli eventi della storia reale non come un ordine immutabile in accordo con una visione hegeliana della storia, bensì come una delle possibili manifestazioni di circostanze e azioni che portano con loro cause e conseguenze che a loro volta possono o non possono verificarsi.


Di: Cristiano Rimessi

Fonti:
Rondo Cameron - Larry Neal, Storia economica del mondo I. dalla preistoria al XVII secolo , pagg. 66 e 72
http://www.antikitera.net/download/Rivoluzione_Antica.pdf

Condividi questo articolo:

Posta un commento

 
Back To Top
Copyright © 2014-2017 Riscrivere la Storia. Designed by OddThemes | Distributed By Gooyaabi Templates