Ultimi Post

mercoledì 30 dicembre 2015

Ritrovata statuetta di montone la vigilia di Natale: un disegno divino?

Quello che forse tutti ignorano sull’archeologia e gli archeologi è che le scoperte più importanti hanno generalmente luogo nell’ultimo giorno di scavo, quando è ormai ora di impacchettare, di salutare e di prepararsi a tornare nella propria confortevole casa. E allora ecco che la squadra torna a lavoro, attrezzi in spalla, e una mezza fetta di panettone con cui consolarsi.

Ovviamente mi concedo di scherzare, ma se parlaste con gli archeologi dell’Israel Antiquities Authority e della Caesarea Development Corporation impegnati in uno scavo al Caesarea Harbor National Park, potreste rendervi conto che il mio siparietto non è poi così distante dalla realtà.

Pensate infatti che durante la vigilia di Natale questi archeologi israeliani hanno scoperto quello che è considerato uno dei simboli antichi più conosciuti con cui si identificava Gesù. Si tratta di una statua in marmo (di circa 40x30 cm) raffigurante un montone - animale che Gesù di solito portava in braccio o sulle proprie spalle - incisa con grande cura e precisione.



Gli archeologi hanno fin da subito definito la scoperta significativa: “Nei primi tempi del Cristianesimo Gesù non era affatto raffigurato come una persona. Si usavano, piuttosto, dei simboli, come appunto il montone. Può o può non essere una coincidenza, ma la statua è stata scoperta durante la vigilia di Natale.”, affermano gli archeologi Peter Gendelman e Mohammad Hater, direttori della missione che si trovava impegnata nello scavo di una chiesa bizantina localizzata a 120 km a nord est di Gerusalemme.

E’ possibile quindi che la statua del montone risalga al VI-VII secolo d.C. quando per l’appunto la chiesa venne costruita. Non va però esclusa l’ipotesi che essa possa risalire ai primi anni dell’impero romano e a tal proposito gli archeologi spiegherebbero la presenza del simulacro come riuso decorativo per la chiesa.

Del resto il montone costituiva un simbolo non solo per la cultura cristiana: nell’Antico Egitto, per esempio, esso rappresentava il dio Amon e quindi la regalità; mentre nella Grecia e nella Roma dell’epoca, la pecora accompagnava spesso le raffigurazioni del dio Ermes – Mercurio.



Rimane comunque certa l’importanza di questo animale nella nostra religione. E’ del nuovo Testamento il verso che identifica Gesù come un agnello: “Il giorno seguente, vide Gesù venire verso di lui, e disse: Ecco, l’agnello di Dio, che toglie i peccati del mondo.”

I ricercatori israeliani hanno comunque trovato altre raffigurazioni simili nell’area, incluso un montone calcareo di 9.500 anni fa con corna spiraliforme incise che potrebbe essere stato usato come portafortuna.

Condividi questo articolo:

Posta un commento

 
Back To Top
Copyright © 2014-2017 Riscrivere la Storia. Designed by OddThemes | Distributed By Gooyaabi Templates